Monete rare: ecco quali sono quelle che valgono di più

Le monete rare sono molto ricercate e proprio i dettagli, come ad esempio errori di conio, l’anno di produzione, la tiratura limitata, varianti e commemorazioni possono renderle veri capolavori numismatici. Gli errori di conio, ad esempio, sono ricercati da moltissimi collezionisti proprio per la loro rarità, mentre quelle commemorative, sono ricercate essendo legate ad eventi storici o personalità e proprio per tale motivo possono acquisire un valore significativo.

Le monete rare come ben sappiamo, sono oggetti preziosi molto apprezzate dai collezionisti di tutto il mondo. Ad esempio recentemente un lotto di moneye da 1, 2, 3, 5 e 10 lire, che sono state realizzate dallo scultore Giuseppe Romagnoli e coniate presso la Zecca di Roma, sono state messe all’asta e vendute per è 4.400,00 euro. Ovviamente però, è doveroso precisare che non tutte le monete hanno lo stesso valore ma solo alcune, come ad esempio quelle del 1947 di Romagnoli e coniate dalla Zecca di Roma raggiungono tale cifra. Pertanto, se ne avete in casa, evitate l’errore di scartarle!

Monete rare: ecco quali sono quelle che valgono di più

Certamente, le fortune del mondo numismatico non si fermano qui, infatti ci sono tantissime altre monete che valgono tanto ad esempio come le monete da 500 lire, conosciute come “Caravelle” e coniate nel 1957, le quali sono particolarmente pregiate, potendo raggiungere un valore impressionante fino a 12.000 euro. Queste monete rapprentano le celebri imbarcazioni utilizzate da Cristoforo Colombo durante la sua epica traversata oceanica, affiancate poi dal busto di una donna dell’epoca, molto belle e sicuramente molto significative per la nostra storia.

Queste rarità hanno trovato ulteriori risalto con l’asta Bolaffi di giugno scorso, che ha visto tantissimi prezzi rari aggiungati da tantissimi collezionisti. Un esempio è stato il multiplo da 20 zecchini di Giovanni II Corner, proveniente da una collezione degli anni ’60 e ’80, il quale è stato venduto per un impressionante doppio del prezzo di partenza, raggiungendo la cifra di 102.000 euro. Sono molti quindi i pezzi che si possono acquistare ma ovviamente anche vendere all’acquirente più fortunato.

Queste risultati assurdi, hanno confermato che queste monete non sono solo oggetti di collezionismo, ma vere e proprie opere d’arte e tesori storici. Se siete fortunati, potrebbe trovare dei pezzi rari così da poter guadagnare molti soldi. Non vi resta che cercare in tutte le tasche monete particolari da vendere.

Ecco 10 monete rare che spesso sono ricercate dai collezionisti:

  1. Double Eagle del 1933 (20 dollari USA): Una moneta d’oro degli Stati Uniti estremamente rara.
  2. Dollaro di Morgan del 1895: Alcune monete di questo anno sono particolarmente rare, soprattutto quelle con la marcatura “O” della zecca di New Orleans.
  3. Flowing Hair Dollar del 1794: La prima moneta d’argento emessa dagli Stati Uniti.
  4. Dollaro di Busto d’argento del 1804: Un’altra moneta degli Stati Uniti, con pochissimi esemplari coniati nel 1804.
  5. Brasher Doubloon del 1787: Una delle prime monete emesse negli Stati Uniti, nota per la firma del suo incisore Ephraim Brasher.
  6. Double Leopard d’oro del 1344-1351 (Regno d’Inghilterra): Una moneta medievale estremamente rara del periodo di Edoardo III.
  7. Ducato d’oro di Venezia (Sergio Zanusso) del 1926: Una moneta italiana molto rara disegnata da un noto artista e incisore.
  8. Penny di bronzo del 1943 (USA): Durante la Seconda Guerra Mondiale, alcuni centesimi furono coniati in bronzo anziché acciaio, rendendoli molto rari.
  9. Dollaro d’argento del 1804 (Busto di Libertà): Un’altra versione di questa moneta è una delle più rare e preziose al mondo.
  10. Krugerrand d’oro del 1974 (Sudafrica): Anche se relativamente recente, questo è uno dei più ricercati tra i collezionisti di monete d’oro.

Ricorda che il valore delle monete può variare, e per ottenere valutazioni precise è consigliabile consultare esperti numismatici o rivolgersi a case d’aste specializzate