Attenzione ai pesciolini d’argento: ecco perchè possono diventare pericolosi

Il contesto casalingo è formalmente concepito come qualcosa di “accogliente” e sicuro, seppur con le proprie criticità e capacità di apparire addirittura pericoloso, tra i vari possibili incidenti domestici e altri rischi dovuti ad esempio agli insetti ed agli altri piccoli animali che possono trovare altrettanto accogliente la propria abitazione. I pesciolini d’argento costituiscono una normalità potenzialmente in tutte le case che dispongono delle condizioni ambientali giuste.

Anche se sono considerati generalmente poco pericolosi, non va sottovalutata la portata eventuale della presenza di questi animali.

I pesciolin d’argento vanno prima di tutto riconosciuti ed “identificati” a dovere e poi una volta compresa la loro natura, è possibile evitarne la “comparsa”.

Attenzione ai pesciolini d’argento: ecco perchè possono diventare pericolosi

Attenzione ai pesciolini d'argento

Anche se sono chiamati spesso pesciolini d’argento, questi piccoli insetti di colore argenteo, non hanno alcuna forma di parentela con i pesci, ma sono così chiamati per la loro tendenza a “sgusciare” una volta scoperti dalla luce.

Sono simili a dei piccoli vermetti piuttosto piccoli, dotati di antenne lunghe rispetto al corpo e conosciuti per la loro natura lucifuga, ossia detestano la luce e sono invece molto attratti dagli ambienti e anfratti bui ed umidi.

Non sono di per se pericolosi, tendono a scappare una volta percepita la presenza animale ed umana, non mordono e non sono in alcun modo “contagiosi”, però la loro presenza se è considerevolmente fuori controllo risulta essere infestante, anche perchè sono decisamente ghiotti di amidi, e zuccheri vari, quindi briciole, residui di cibo, ma anche la carta dei vecchi libri o riviste, addirittura la colla utilizzata per la carta da parati costituisce per questi animali un alimento irresistibile.

Per disfarsene è prima di tutto importante concepire un ambiente che è praticamente l’opposto delle loro esigenze, quindi fortemente arieggiato e sufficientemente secco, è importante tenere la casa e le varie stanze quanto più possibile prive di polvere in particolare negli angoli e nelle zone nascoste.

Sono animali resistenti e longevi visto che la loro speranza di vita può superare i 7-8 anni e possono anche non mangiare niente per settimane o mesi.

E’ anche possibile fare ricorso a rimedi naturali come i vari oli essenziali naturali, tendenzialmente per noi gradevoli ma al contrario detestabili da parte di questi animali, come la menta, l’alloro, la citronella e la lavanda ma ad esempio anche l’odore dell’aceto (quindi i prodotti che hanno questo aroma) è un ottimo deterrente per tenere lontani questi animaletti.