Indovinello del giorno: cosa ti tiene in vita e si vede solo d’inverno?

Il concetto di indovinello è antichissimo ed è senz’altro relativo alla capacità che la specie umana ha di risolvere dilemmi e questioni di stampo logico, quasi sempre le versioni moderne degli indovinelli sono sostanzialmente dei quesiti posti in maniera specifica e  radicalmente comprensibile, con all’interno una forma di illogicità alla base che comprende anche spesso alcuni elementi atti a confondere. L’indovinello del giorno è abbastanza complesso sulle prime considerazioni ma è in realtà relativamente facile.

Basta seguire il quesito seguente: “cosa ti tiene in vita e si vede solo d’inverno?”. Come al tre forme di indovinello anche questo in particolare risulta essere decifrabile solo comprendendo il contesto.

Qual è la risposta giusta, senza ovviamente sbirciare sul web? Basta seguire una forma di ragionamento abbastanza facile da seguire.

Indovinello del giorno: cosa ti tiene in vita e si vede solo d’inverno?

Indovinello del giorno

Grazie alla carta stampata e poi ad internet, l’indovinello è divenuto ed è “ritornato” una forma ludica applicata al concetto grammaticale e logico di grande respiro, in quanto se il concetto alla base dell’indovinello è conosciuta e comprensibile a tutti senza la necessità di doverla spiegare ogni volta, le formulazioni non sono tutte uguali.

Alcune tipologie presentano infatti delle parole o una costruzione volutamente polivalente, in grado quindi di essere interpretata in vari modi, ma per alcune la “strada” interpretativa è  strettamente relativa ad una sola soluzione.

Cosa può essere che risulta visibile solo in inverno ma che costituisce qualcosa di così importante da tenerci in vita? Siamo in corrispondenza della fine dell’estate, quindi con l’arrivo progressivo dell’inverno, questo sarà molto evidente. Qual è la risposta giusta?

Si tratta del fiato, in quanto è la rappresentazione dell’aria del respiro che proprio con l’inverno quindi con temperature più rigide diventa visibile grazie alla cristallizazione parziale delle molecole che compongono il nostro respiro, quindi risulta effettivamente evidente (pur essendo sempre presente, ovviamente, ce ne accorgiamo prevalentemente durante l’inverno).

Quanto tempo ci hai messo per “arrivarci” da solo?