Indovinello di oggi: perdo la testa tutte le mattine e la riprendo la sera. Chi sono?

Gli enigmi di ogni tipo sono da sempre una delle principali fonti “ludiche” che spesso fanno ricorso all’uso della logica obbligatoria per far fronte ai vari problemi che vengono espressi, incuriosistono la specie umana da millenni, e ne esistono di tantissime tipologie: in particolare chi ha una mente fertile e soprattutto curiosa. L’indovinello di oggi costituisce una formulazione conosciuta, improntata sul riconoscere le varie tipologie e dettagli di una determinata frase.

Gli indovinelli più apprezzati sono esattamente quelli linguistici, che non necessitano di una base di conoscenza specifica in nessun settore ma che possono essere risolti semplicemente comprendendo le nozioni base.

Qual è la risposta giusta al quesito “perdo la testa tutte le mattine e la riprendo la sera“? La risposta giusta è meno complesso di quanto può apparire.

Indovinello di oggi: perdo la testa tutte le mattine e la riprendo la sera. Chi sono?

indovinello di oggi

L’indovinello come concetto, improntato ad una sfida “ludica”, serve ad incentivare l’uso della logica, portandoci però a ragionare fuori dagli schemi in quanto sono presenti delle contrapposizioni linguistiche e dei termini che possono essere applicati in vari modi, basta pensare alle numerose parole che hanno un significato multiplo.

Costituisce anche una forma di allenamento per il nostro cervello, con una netta affermazione in particolare per coloro che sono abituati a concepire una sfida del genere. Anche sul web questa tipologia di affermazione ludica è molto conosciuta anche se molti sono comunque incentivati dalla possibilità di scoprire in anticipo, “sbirciando” sul web, la soluzione, quindi facendo perdere potenzialmente il senso stesso della sfida.

Naturalmente la “testa” indicata può riguardare numerosi contesti, e non solo “umani”, può avere significati differenti, basta usare la mente per arrivarci, anche se  solo una piccola percentuale riesce a capirlo prima di 30 secondi.

La risposta esatta è…

 

Il cuscino, in quanto è la parte del letto disposta ad “accogliere” la testa durante il sonno, generalmente radicato durante le ore notturne, mentre è ovviamente portato a “perdere” questa funzione momentaneamente durante le ore del mattino, per poi ricoprire nuovamente a questa funzione la sera o la notte.

La risposta probabilmente è già stata “compresa” da molti nel frattempo.