Home » Arte contemporanea a Polignano, in mostra le opere di Pino Pascali e Claudio Cintoli

Arte contemporanea a Polignano, in mostra le opere di Pino Pascali e Claudio Cintoli

L’ arte contemporanea a Polignano a Mare vedrà protagonisti due artisti di grande talento. La mostra si terrà sabato 24 marzo dalle ore 19:00 alle ore 21:00 ed è titolata “Dialoghi 3.0: Pino Pascali e Claudio Cintoli”, un’analisi osservativa e critica delle “opere aperte” dei due artisti da parte della Fondazione Pino Pascali – Museo di Arte Contemporanea. Sul palco salirà il concetto del tempo sale e guiderà gli spettatori nel mondo archetipico dei due geni creativi dove al centro dell’universo c’è l’uomo e attorno a lui convergono conoscenza, pensiero magico-archetipico e mitopoietico.

La mostra di arte contemporanea a Polignano vedrà citare Cavalletto, Cesto, Arco di Ulisse e Liane di Pino Pascali, tutte opere del 1968. Dialoghi 3.0 rientra nelle celebrazioni dedicate al 50esimo dalla prematura scomparsa di Pino Pascali, morto a soli 33 anni a Roma l’11 settembre 1968. Durante tutto il 2018 sono previsti talk, workshop, incontri, mostre, convegni, in memoria di questo grande artista.

Esposizione dell’arte contemporanea a Polignano

L’esposizione dell’arte contemporanea a Polignano titolata Dialoghi 3.0 è a cura di Rosalba Branà ed è una prosecuzione del format Dialoghi nato nel 2014 con la sua versione 1.0 “Pino Pascali e Luigi Ghirri. Il mare e il cielo.”, dove in relazione erano poste l’opera “32 metri quadri di mare circa” di Pascali e “Infinito” di Luigi Ghirri. L’edizione successiva, “Dialoghi 2.0 Pascali e Bonalumi, Castellani, Fontana, Manzoni”, si è tenuta nel 2015 ed ha analizzato in modo storico e scientifico il rapporto tra le finte sculture bianche di Pascali con le influenze dell’ambiente milanese.

Con questa celebrazione Pino Pascali torna artisticamente a casa: l’artista, originario della città del barese ed emigrato dopo il diploma per collaborare come scenografo RAI, è morto a causa di un incidente con la moto, che lo ha portato via proprio nel momento in cui stava raggiungendo l’apice del successo. L’appuntamento per la mostra è in via Parco del Lauro 119 e sarà aperta fino al 30 settembre.