Home » Arriva in Puglia Plogging, si raccoglieranno rifiuti a Lecce facendo jogging

Arriva in Puglia Plogging, si raccoglieranno rifiuti a Lecce facendo jogging

Arriva dalla Svezia una curiosa iniziativa definita Plogging, che prevede la raccolta dei rifiuti mentre si fa jogging. L’intento di questa iniziativa è quello di unire due attività interessanti: fare sport e raccogliere rifiuti abbandonati. Dalla Svezia il Plogging è approdato già in diverse città d’Europa, fino ad arrivare anche in Puglia, in particolare a Lecce.

Qui, infatti, l’assessore all’Ambiente Carlo Mignone ha annunciato che l’iniziativa partirà nel mese di aprile e sarà ispirata proprio a quella svedese. In molti Paesi europei è stata talmente apprezzata da dare i suoi frutti e in molti casi è diventata anche un’iniziativa di gruppo, da portare avanti collaborando insieme. Chi ha già provato questa insolita iniziativa ha espresso parere favorevole dicendo che fa bene alla mente e al corpo: oltre ad aiutare a rimanere in forma fa anche sentire bene le persone perché stanno facendo un servizio utile alla società.

Plogging utile a se stessi e alla società

Il termine Plogging deriva dall’unione tra pick, che vuol dire “raccogliere” e running che significa “correre”. L’iniziativa è stata accolta con grande entusiasmo da molte persone che si ritengono soddisfatti di unire due attività che, seppure diverse fra loro, si completano l’una con l’altra. Infatti, dovendo raccogliere i rifiuti si fanno piegamenti e quindi si modellano braccia e gambe, ma anche le soste per raccogliere l’immondizia sono considerate un toccasana per riprendere fiato.

Per dare maggiore impulso a questa disciplina, l’assessore all’ambiente di Lecce è pronto ad accogliere nuove iniziative volte alla salvaguardia dell’ambiente. Su Instagram sono già centinaia gli esempi di pratica virtuosa che è possibile vedere digitando l’hashtag #plogging, attività da esercitare da soli oppure in gruppo. La nuova tendenza ecocompatibile si è diffusa in Svezia da oltre un anno e si spera che possa veramente essere messa in atto nel nostro paese per liberare le strade dai rifiuti, semplicemente dando una mano durante la corsa.