Home » Trani: Nasce Mamamu, il primo museo della Puglia per i bambini

Trani: Nasce Mamamu, il primo museo della Puglia per i bambini

Inaugurato Mamamù, il museo per bambini di Trani, il primo del Mezzogiorno. Sarà finanziato interamente dal Comune e dall’omonima associazione culturale.

Pochi giorni fa è avvenuta l’inaugurazione di Mamamù, il primo museo in Puglia che ha come target esclusivo quello infantile. Si trova a Trani, presso la strada vicinale Moschetto, 3.

Si tratta di un museo ideato e realizzato grazie ai fondi privati di due mamme della città di Trani, che tra l’altro sono le promotrici dell’omonima associazione culturale senza fini di lucro. Mamamù nasce nasce per sviluppare e diffondere l’educazione e per promuovere la cultura in modo rivoluzionario e focalizzato in maniera particolare al target infantile.

A Mamamù i bambini faranno un viaggio all’insegna dell’arte e della conoscenza in base al metodo pedagogico dei Children’s museums. Nonostante progetti simili siano stati già realizzati a Roma e a Milano, purtroppo l’iniziativa non era riuscita a spostarsi a sud fino ad oggi: Trani è quindi la prima città del mezzogiorno a dare vita al museo per bambini.

L’iniziativa delle due mamme di Trani è stata ampiamente supportata dal Comune di Puglia, che ha aderito finanziando parzialmente il progetto. La filosofia del museo, come spiega Paola Cirilli (presidente dell’associazione culturale Mamamù), è quella di permettere ai bambini di sperimentare, conoscere e imparare attraverso il gioco e l’esperienza diretta

Ma non è tutto, visto che naturalmente i bambini che frequenteranno il museo avranno l’opportunità di socializzare tra di loro e di inserirsi quindi in un tipo di ambiente del tutto nuovo e completamente diverso da quello della scuola, dei giochi, dell’oratorio o della palestra.

I bambini avranno completo accesso al museo Mamamù grazie a dei biglietti definiti “sociali”, per via dei prezzi che saranno ridotti, per favorire le famiglie meno abbienti, e il cui ricavato andrà totalmente speso per investimenti interni al musei, che ne garantiranno l’ampliamento, la valorizzazione, la pubblicizzazione e ulteriori novità che verranno aggiunte man mano.