Home » A Bari arriva You Pol, un’app per segnalare bullismo e spaccio

A Bari arriva You Pol, un’app per segnalare bullismo e spaccio

Città da sempre all’avanguardia e al passo con i tempi sotto l’aspetto tecnologico, Bari ancora una volta non si smentisce a approva l’app You Pol, una app specifica per segnalare bullismo e spaccio. La città metropolitana di Bari potrà contare quindi su un nuovo supporto: la nuova app sarà di grande aiuto per la giustizia e consentirà ai cittadini di segnalare casi di bullismo e spaccio.

You Pol è collegata direttamente alla Polizia e offrirà ai cittadini la possibilità di essere assolutamente responsabili nei confronti di questi due problemi che sono all’ordine del giorno e che tormentano la vita di molti ragazzi. Questa speciale applicazione per smartphone sarà dunque uno stimolo per dare alle persone la possibilità di rendersi utili e fare del bene alla propria città.

You Pol, applicazione collegata con la questura

Facile da scaricare su ogni tipo di smartphone e tablet, è possibile accedere a You Pol dalle piattaforme di Apple Store, dai sistemi IOS e da Play Store per i sistemi operativi Android. Con questa app i cittiadini possono inviare immagini o segnalazioni scritte e farle pervenire direttamente alla sala operativa della Questura. Sarà anche possibile denunciare casi di bullismo o di spaccio anche mentre ci si trova nella province diverse da quella di Bari.

Con You Pol è possibile denunciare alla polizia casi ai quali si è testimoni diretti o notizie di cui si è venuti a conoscenza tramite link, pagine web, messaggi e informazioni verbali. Ogni segnalazione rivela il luogo da dove è stata inviata e il dispositivo segnalante. L’utente può scegliere di comunicare l’evento o tramite chiamate d’emergenza, con il pulsante rosso con l’apposita scritta che indirizza direttamente alla sala operativa 113 o 112 della provincia nella quale l’utente si trova. Sono ben 20.000 le applicazioni scaricate dallo scorso novembre 2017 e le città di Roma, Catania e Milano, le prime città ad aver avviato la sperimentazione, hanno ricevuto in totale oltre 300 le segnalazioni.