Home » Disfida di Barletta coscienza del mutamento

Disfida di Barletta coscienza del mutamento

Si terrà dal prossimo 11al 12 febbraio a Barletta l’evento intitolato “La coscienza del presente e la percezione del mutamento. La Disfida di Barletta e la fine nel Regno”. La Disfida non fu solo un torneo cavalleresco tra 13 francesi e 13 italiani, ma una vera e propria presa di coscienza di ciò che accadeva a quel tempo.

Svoltasi il 13 febbraio 1503, durante la Seconda Guerra d’Italia, la Disfida di Barletta si tenne a ridosso della caduta della dinastia aragonese che dominò l’Italia meridionale per tutta la seconda metà del XV secolo. Anzi, è corretto affermare che le Guerre d’Italia furono contemporaneamente la causa e la conseguenza della fine del Regno, che da quel momento in poi fu ridotto a Viceregno.

L’evento si terrà nella meraviglia dello storico Palazzo della Marra e si tratterà di una sorta di analisi della percezione sociale che questo evento comportò all’epoca.

Disfida di Barletta, una vera e propria analisi sulla percezione dell’evento

Le domande durante l’evento sulla Disfida di Barletta saranno: “Ci fu coscienza del cambiamento? Quale fu la percezione dei mutamenti? Si visse nella nostalgia di un glorioso passato o nella consapevolezza dell’avvento di una nuova epoca?”.

Voluto dall’amministrazione comunale di Barletta, il convegno è stato organizzato con la consulenza scientifica del Centro Europeo di Studi sull’Umanesimo e sul Rinascimento Aragonese. Prenderanno parte all’evento importanti nomi della storiografia italiana, spagnola e francese che faranno i loro interventi nel corso delle due giornate di eventi.

Il convegno si distingue per la caratteristica di approfondimento di ricerca sulla Disfida di Barletta, ritenuta elemento causa della più complessa indagine sul Regno di Napoli alla fine del Medioevo e come promotrice nella elaborazione della conoscenza delle numerose identità del nostro Paese tra passato e presente. Al Comune di Barletta va il ringraziamento della comunità scientifica e la responsabilità perché questo patrimonio di conoscenze abbia un proseguo.