Home » Carnevale di Putignano tradizione unica in Europa

Carnevale di Putignano tradizione unica in Europa

Passate le feste natalizie c’è già nell’aria odore di carnevale, ma in particolare del Carnevale di Putignano, unico in Europa e in cui le tradizioni superano ogni aspettativa. Le celebrazioni risalgono al 1394, anno della nascita del Carnevale di Putignano, quando ancora il sostentamento principale della popolazione erano coltivazioni e pastorizia.

All’epoca governavano i Cavalieri di Malta, ordine religioso, che temevano che proteggeva le preziose reliquie di Santo Stefano Protomartire, custodite fino ad allora nell’abbazia di Monopoli.

Il trasferimento delle reliquie avvenne con una processione di notevole importanza verso Putignano, ma non appena i lavoratori videro la processione abbandonarono il lavoro per seguire le sacre reliquie. Era il 26 dicembre 1394 e le spoglie vennero portate presso la chiesa di Santa Maria la Greca con la seguito una folla che danzava e ballava per la straordinarietà dell’evento. Il concetto di carnevale viene però ripreso solo verso la metà del 900, quando comparvero i primi carri allegorici realizzati per l’occasione.

Carnevale di Putignano festa di notevole importanza

Ad oggi il Carnevale di Putignano è qualcosa di meraviglioso che si ripete ogni anno e con sempre più intensità. Dal 26 dicembre al martedì grasso le vie di Putignano si riempiono di feste e processioni: i festeggiamenti partono il 26 dicembre dalla chiesa di Santa Maria con una processione, dove avviene il simbolico passaggio del cero tra il presidente del Comitato Feste Patronali ed il presidente della Commissione Carnevale di Putignano.

Secondo la tradizione il cero indica la richiesta di perdono ai santi per tutti i peccati che saranno commessi durante le celebrazioni fino al martedì grasso. A seguire si celebra la Festa delle Propaggini, dove si balla e si canta in abiti contadini. Durante i giovedì ci si riunisce per banchetti e per esibizioni, e dopo la Candelora del due febbraio si arriva alla vigilia del martedì grasso che celebra l’estrema unzione al Carnevale con il suo funerale.