Home » Lecce: Inaugurata la Falsa Porta del Castello Carlo V

Lecce: Inaugurata la Falsa Porta del Castello Carlo V

Inaugurata la Falsa Porta del Castello Carlo V a Lecce. Sarà possibile ora accedere ad aree sconosciute del castello.

Nuovi spazi del Castello Carlo V di Lecce sono stati finalmente aperti al pubblico. Per 20 anni le amministrazioni comunicali si erano dedicate con devozione al recupero del patrimonio monumentale storico archeologico della struttura: l’inaugurazione della Falsa Porta, quindi, è una vittoria della comunità e delle istituzioni.

La Falsa Porta non è altro che un secondo ingresso, che consentirà al pubblico di visitare nuove aree del castello, prima chiuse nell’attesa di essere recuperate. I leccesi, adesso, hanno modo di accedere al castello sia da Piazza Libertini che da via XXV luglio.

L’inaugurazione al Castello Carlo V, avvenuta il 26 dicembre, è stata fatta dal sindaco del capoluogo salentino, Carlo Salvemini, che ha invitato alla cerimonia anche Adriana Poli Bortone e Paolo Perrone, i due amministratori comunali che lo hanno preceduto, proprio perché si tratta di una vittoria dell’intera comunità.

Per l’occasione, sono state pensate dell visite gratuite, curate dalla Soprintendenza, dai volontari dell’Aps Swapmuseum e dai ragazzi dell’Alternanza Scuola Lavoro delle tre scuole “Istituto Marcelline”, I.I.S.S. “Virgilio-Redi” e I. I. S.S. “Galilei Costa”. I percorsi, durante le aperture straordinarie, avranno la durata di circa 30 minuti e consentiranno l’ingresso in zone sino ad ora sconosciute: si passerà dalle Gallerie ipogee, per portare a termine dei camminamenti di ronda, da cui sarà possibile scoprire visuali sconosciute del tessuto urbano di Lecce.

E non è tutto, perché si potranno vedere anche il Museo della Cartapesta; la Chiesa di Santa Barbara (dove verrà mostrata anche una ricostruzione virtuale di strutture non più visibili della chiesa); le Prigioni del castello, dove si potrà effettuare un viaggio alla scoperta delle voci dei detenuti: si procederà alla ricostruzione di alcuni profili tramite la lettura e l’interpretazione delle scritte e delle incisioni trovate sulle pareti durante i lavori.

Il Castello sarà accessibile, da entrambi i portoni, tutti i giorni dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 20.00.