Home » Lecce entra nel progetto ‘Puglia active Network’

Lecce entra nel progetto ‘Puglia active Network’

Lecce entra in “Puglia Active Network” il progetto innovativo di E-Distribuzione, società del gruppo Enel. Il progetto, avviato da tre anni grazie a sistemi di distribuzione innovativi, si pone l’obiettivo di fare della Puglia la prima Smart Region al mondo. Il progetto è stato presentato a Lecce in presenza di Gianluigi Fioriti, Amministratore delegato di E-Distribuzione ed è stata inaugurata la Cabina “Lecce Mare”, la prima del Salento che include tutte le funzionalità Smart Grid previste dal Puglia Active Network.

La cabina è una infrastruttura con 9 linee di Media Tensione e 287 cabine secondarie che alimentano anche i comuni di Vernole e Lizzanello e le loro frazioni. Complessivamente la Cabina Lecce Mare arriverà a servire 19 mila clienti grazie ai moderni dispositivi che permettono di effettuare la gestione della rete assicurando un servizio affidabile.

Lecce, altre installazioni a breve

Gianluigi Fioriti ha commentato così il progetto: “Si tratta di un intervento in grado di integrare le fonti rinnovabili. Un altro importante tassello per la realizzazione di un’opera strategica al servizio di una regione da sempre impegnata nell’adozione di politiche di sviluppo basate sull’innovazione e la sostenibilità”. Il sistema ha anche lo scopo di promuovere un nuovo modello di mobilità a zero emissioni grazie alla creazione di una rete di ricariche per i veicoli elettrici. Nel Salento ad oggi sono 17 le colonnine per la ricarica elettrica veloce già installate, e a Lecce ve ne sono già cinque.

Prossimante ne saranno installate altre quattro lungo le tangenziali e nelle vie che portano ai principali centri urbani. E-Distribuzione investirà 270 milioni di euro nell’ambito del progetto di Puglia Active Network, 85 dei quali attivati dal bando europeo NER 300. Francesca Tagliaferro, project manager di Pam, aggiunge che si spera di concludere il progetto con i collaudi in esercizio entro il 30 giugno 2019. Comunque, è anche il primo caso al mondo in cui tecnologie all’avanguardia vengono applicate su una rete appartenente ad una sola regione.