Home » Ada Montellanico in concerto a Foggia all’Aqva Mood

Ada Montellanico in concerto a Foggia all’Aqva Mood

Si terrà il 13 dicembre il terzo appuntamento di AQVA MOOD, la rassegna musicale organizzata dal Ristorante/club AQVA e dal MOODY jazz cafè a Foggia. L’evento, sottotitolato InCanti, continua con una delle più prestigiose voce del jazz italiano, Ada Montellanico.

L’ingresso per l’aperitivo di benvenuto è previsto per le ore 20:43 e l’inizio del concerto per le ore 21:38. La nota cantante romana sarà a Foggia per presentare il suo ultimo disco “ABBEY’s ROAD – Omaggio ad Abbey Lincoln”, che contiene un eccezionale quintetto completato da Giovanni Falzone (tromba e arrangiamenti), Filippo Vignato (trombone), Matteo Bortone (contrabbasso) e Ermanno Baron (batteria).

Autrice, cantante tra le più importanti e innovative della scena jazz italiana, Ada Montellanico ha collaborato con artisti di fama internazionale tra i quali Jimmy Cobb, Lee Konitz, Paul McCandless, Enrico Pieranunzi, Enrico Rava, Fabrizio Bosso, Danilo Rea e ha preso parte a prestigiosi Festival italiani ed esteri. La sua voce calda e sabbiosa ha saputo trovare una magica fusione tra lingua italiana, jazz e improvvisazione.

Ada Montellanico artista jazz di grande innovazione

A gennaio 2017 è uscito il suo ultimo disco Abbey’s Road, un omaggio straordinario a un’artista leggendaria come Abbey Lincoln. In questo album Ada Montellanico affronta brani che appartengono al repertorio più complesso della Lincoln come quelli che parlano della lotta per i diritti civili.

Abbey Lincoln rappresenta una figura leggendaria anche per l’intero movimento Black Power ed è stata iniziatrice di una nuova strada del jazz vocale, che l’hanno portata molto vicina ad altre grandi artiste quali Billie Holiday e Nina Simone.

Con questo omaggio alla Lincoln Ada ha voluto mettere in risalto la forza narratrice delle composizioni della Lincoln, esaltando al tempo stesso il carattere africano della suo mondo sonoro e la sua trasgressività.

La band atipica che ha creato, in cui manca uno strumento armonico, dona a questa particolare formazione un sound coinvolgente e ricco di energia, esaltato dagli arrangiamenti curati dal trombettista Giovanni Falzone.