Home » “Un viaggio nel tempo”, visita al Museo Ferroviario di Puglia

“Un viaggio nel tempo”, visita al Museo Ferroviario di Puglia

Improvvisart invita il pubblico a partecipare alla visita guidata teatralizzata denominata “Un viaggio nel tempo” che si terrà al Museo Ferroviario di Puglia domenica 19 novembre. A guidare la visita saranno proprio Imprrovisart e A.I.S.A.F. verso un viaggio particolare, per far vivere ai partecipanti un’esperienza unica tra antichi locomotori e carrozze passeggeri e numerosi personaggi di un tempo che si materializzeranno di volta in volta durante il percorso.

A rendere interessante il percorso saranno gli attori di Improvvisart che porteranno alla luce il periodo storico tra il 1900 e il 1950: gli attori si trasformeranno in ferrovieri e macchinisti affabili e allegri, ma anche in operai laboriosi e deliziose tabacchine che condurranno gli ospiti lungo viaggio abbigliati con vestiti d’epoca. Il primo turno del viaggio al Museo Ferroviario di Puglia è alle ore 10:00, mentre il secondo turno è alle ore 11:45. L’ingresso è € 6.

Il passato che rivive al Museo Ferroviario di Puglia

L’evento che si terrà al Museo Ferroviario di Puglia sarà una splendida occasione per vedere dal vivo e toccare con mano per la prima volta la locomotiva 316 FSE del 1913, di notevole importanza per la storia ferroviaria del territorio poiché è l’unica sopravvissuta del suo gruppo e l’unica macchina in vita del parco locomotive della Società per le Ferrovie Salentine. L’occasione è perfetta anche per ammirare le bellissime locomotive di una volta che si trovano all’interno del Museo.

Tra queste è presente una locomotiva del 1911, la prima locomotiva elettrica delle Ferrovie dello Stato, la prima “Littorina” delle Ferrovie Sud Est, i rotabili della Manifattura Tabacchi di Lecce, altri veicoli d’epoca e il Treno Storico “Salento Express”. Inoltre, il Museo ospita delle interessanti ricostruzioni degli ambienti della stazione e degli oggetti utilizzati un tempo dai ferrovieri, oltre che plastici di stazioni italiane, americane e del Salento. Le installazioni sono curate da AISAF – Associazione Ionico Salentina Amici delle Ferrovie.