Home » Guida Michelin 2018 otto ristoranti stellati In Puglia

Guida Michelin 2018 otto ristoranti stellati In Puglia

Grande soddisfazione per la ristorazione pugliese. La guida Michelin 2018 prossima in uscita rivela tra le sue scelte delle vere eccellenze in fatto di ristoranti, confermando purtroppo la Puglia su un livello medio-basso. Infatti, nella Guida Michelin 2018 non è presente nessun tre stelle e nemmeno un due stelle. Rimangono gli stessi otto monostellati che hanno conquistato le stelle lo scorso anno.

La caratteristica delle stelle Michelin è quella di essere assegnate allo chef. I locali con chef d’eccellenza in Puglia sono i seguenti: Umami di Andria (chef Felice Sgarra), Bacco di Barletta (Franco Ricatti e Angela Campana), Pashà di Conversano (Maria Cicorella), Angelo Sabatelli di Putignano (il nome del locale è quello dello chef, trasferitosi da Monopoli a Putignano mantenendo la stella), Già Sotto l’Arco di Carovigno (Teresa Buongiorno), Al Fornello – da Ricci di Ceglie Messapica (Antonella Ricci), Cielo di Ostuni (Andrea Cannalire) e Quintessenza di Trani (Stefano Di Gennaro).

Esclusi dalla Guida Michelin 2018 alcuni ristoranti, ma sono sotto osservazione

Sono tanti i ristoranti esclusi dalla Guida Michelin 2018, tra cui figura anche Il Poeta Contadino di Alberobello, tra i primi ristoranti pugliesi ad ottenere il prestigioso riconoscimento. Quest’anno questo ristorante non ha ottenuto neanche il riconoscimento «Bib Gourmand», che rappresenta una sorta di attestato di stima e invita all’attenzione da parte della Guida.

La lista di quelli che hanno ottenuto questo riconoscimento è la seguente: Osteria del Borgo Antico di Gioia del Colle, U.P.E.P.I.D.D.E. di Ruvo di Puglia, Pantagruele di Brindisi, Cibus di Ceglie Messapica, Osteria Piazzetta Cattedrale di Ostuni, Il Turacciolo di Andria, Antichi Sapori di Andria/Montegrosso, la «new entry» 31.10 Osteria Lorusso di Bisceglie, La Tradizione di Minervino Murge, Medioevo di Monte Sant’Angelo, La Fossa del Grano di San Severo, Il Capriccio di Vieste, L’Acchiatura di Racale e La Barca di Marina di Pulsano. Può darsi che il prossimo anno la Puglia riesca ad ottenere altri consensi e altre stelle.