Home » Due sale studio a Barletta, Regeni e Reichlin

Due sale studio a Barletta, Regeni e Reichlin

Nella città della Disfida, a Barletta, sono state intitolate due sale studio a due barlettani illustri e un riconoscimento anche a due personalità italiane di notevole importanza. I due personaggi illustri sono Vittoria Titomanlio, una delle 21 donne elette dall’assemblea costituente nel 1946 e Alfredo Reichlin, giornalista politico e partigiano. Invece, i personaggi di importanza nazionale a cui è toccato il tributo sono il ricercatore Giulio Regeni, ucciso in Egitto e Aylan Kurdi, il piccolo siriano trovato morto sulle spiagge di Bodrum in seguito al naufragio del gommone su cui era a bordo con la sua famiglia nel tentativo di raggiungere l’Europa.

A Vittoria Titomanlio sarà titolata una nuova strada, mentre il tratto pedonale tra viale Marconi e via Vittorio Veneto sarà intitolato ad Alfredo Reichlin. A Giulio Regeni sarà intitolata una delle sale studio della biblioteca comunale Loffredo, mentre al piccolo Aylan kurdi sarà intitolata la biblioteca comunale del Parco dell’Umanità. Inoltre, altre decisioni sono state prese durante l’ultima giunta comunale dell’amministrazione di Barletta tra cui quella di titolare a Sandro Pertini il tratto di strada ed il sottovia tra via Enrico De Nicola e via Papa Giovanni XXIII, i giardini nella palazzina Reichlin a Mario Mattia, professore celebre per la direzione dell’Istituto sperimentale di enologia, mentre via Ettore Cialdini sarà titolata nuovamente via delle Carrozze.