Home » Le conserve di pomodoro fatte in casa della Puglia

Le conserve di pomodoro fatte in casa della Puglia

Le conserve di pomodoro sono un’autentica tradizione in Puglia e in genere nel sud Italia. Ancora oggi questa tradizione viene seguita e rispettata anche nel procedimento. Ecco come avviene il procedimento per preparare la salsa o conserva di pomodoro:

Per cominciare, il pomodoro viene sbollentato prima di passarlo nella macchina. L’obiettivo è realizzare una salsa di una certa densità, quindi, far bollire per alcuni minuti il pomodoro, metterlo a scolare per alcuni minuti e poi passarlo nella macchina apposita. La macchina separerà i semi dalle bucce e farà uscire il bel sugo rosso. Ripassare le bucce nella macchina per altre due volte in modo da fare addensare la salsa. Se si preferisce, condire con un po’ di sale il sugo e cominciare ad imbottigliare. Versare quindi la salsa nelle bottiglie e attendere qualche attimo prima di tappare. Fare attenzione a lasciare un po’ di aria nel collo. Adesso le bottiglie piene vanno bollite all’interno di un recipiente colmo d’acqua facendo attenzione a non farle rompere. Far bollire per un’ora e poi far raffreddare gradualmente.

Con la stessa acqua dove avete sbollentato il pomodoro si possono preparare conserve con pomodori interi e pomodori spaccati a metà. Inserire i pomodori nel barattolo, mettere l’acqua di cottura filtrata e salare al 3% per conservare il sapore di appena raccolto.